Arriva l’ora legale

Nella notte tra il 29 e il 30 marzo alle ore 02.00 scatta l’ora legale. “Si dorme un’ora in meno”, le lancette dei nostri orologi saranno spostate avanti di un’ora. Con questa operazione da domani guadagneremo un’ora diurna in più, potendo così sfruttare la luce delsole per risparmiare quando arriva la sera.

Orologio FrogCo

Quest’anno (2014) l’ora legale terminerà tra la notte del 25 e il 26 ottobre rintroducendo la tanto amata ora solare.

Ecco qualche consiglio per affrontare al meglio questo cambiamento:

  • Per i “gufi”: Per prepararsi a spostare le lancette dell’orologio, ognuno deve attrezzarsi per risincronizzare il proprio ritmo “circadiano”, cioè le ore quotidiane dedicate alle attività e quelle destinate al riposo. Soprattutto i gufi, altrimenti detti persone serotine, cercheranno di andare a letto prima nei giorni precedenti il cambio dell’ora e alzarsi un po’ più presto del solito nel week end del cambio dell’ora. Questi saranno espedienti utili per allenarsi al cambiamento che, in alternativa, sentiranno in modo più improvviso il lunedì, quando la sveglia suonerà forzatamente sessanta minuti prima.
  • Per le “allodole”: chi è abituato ad addormentarsi presto, non cerchi di cambiare il proprio bioritmo in funzione dell’aumento della luce esterna, ma si abitui con gradualità a posticipare il riposo.
  • Sport all’aperto: per entrambi i profili, l’attività fisica aerobica, consigliabile in questo periodo per chi non è a rischio di problemi cardiocircolatori, attenuerà gli effetti ormonali di questi cambiamenti. Si approfitti dell’ora in più di luce per scaricare ansia e tensioni all’aria aperta.
  • La dieta del sonno: per dormire bene è importante alimentarsi nel modo giusto. Mai andare a letto digiuni o dopo una cena frugale perché rischiamo di essere risvegliati dai crampi allo stomaco. No anche a cene troppo ricche per evitare problemi di digestione. La dieta ideale per favorire il sonno prevede gli zuccheri lenti come pomodori, riso, pasta e pane, i latticini e la frutta che favorisce il sonno come banane, mandarini, datteri e fichi.
  • Cosa bere: nelle 4 ore prima di coricarsi, evitare il consumo eccessivo di alcol. Inoltre, a partire da 6 ore prima di andare a dormire, è meglio rinunciare non solo al caffè, ma anche al tè, alle molte bevande gassate che la contengono e al cioccolato. Quindi, dopo le 18, meglio bere una tisana dall’effetto rilassante a base di maggiorana, anice, passiflora, valeriana o melissa. In alternativa, va bene anche un bicchiere di latte tiepido zuccherato con del miele: funziona perché il latte contiene triptofano, un aminoacido che stimola la produzione di serotonina e aiuta a regolare l’orologio biologico. Il miele, invece, è ricco di zuccheri calmanti.

Potrebbe interessarti anche: